IC IQBAL MASIH

IC IQBAL MASIH

Patto educativo di corresponsabilità

Print Friendly, PDF & Email

 

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’

 

 

Nella consapevolezza che ogni efficace azione educativa, all’interno della scuola, coinvolge gli alunni, i loro insegnanti, i genitori, gli organi collegiali, gli enti esterni preposti o interessati al servizio scolastico, il contratto formativo dell’istituto, ossia il patto tra la scuola e la famiglia, diventa l’elemento portante della cornice culturale appena delineata.

La scuola pertanto persegue costantemente l’obiettivo di costruire un’alleanza educativa con i genitori, non impostata su rapporti da stringere solo in momenti critici, ma su relazioni costanti che riconoscono i reciproci ruoli, supportati vicendevolmente dalle comuni finalità educative.

 

LA SCUOLA, AFFERMANDO CHE L’ALUNNO È AL CENTRO DEL SISTEMA SCOLASTICO ED È SOGGETTO ATTIVO DELLA PROPRIA CRESCITA, SI IMPEGNA A:

 

  • favorire la maturazione dell’identità degli alunni, la conquista della loro autonomia e lo sviluppo delle competenze;

 

  • rispondere sempre più ai bisogni degli alunni;

 

  • far conoscere le proprie proposte educative e didattiche;

 

  • progettare percorsi personalizzati finalizzati al successo scolastico, in riferimento alle capacità di ogni allievo;
  • realizzare la flessibilità organizzativa e di percorso, al fine di migliorarne, così, l’efficacia;
  • valutare l’efficacia e l’efficienza delle proposte;
  • favorire la formazione e l’aggiornamento continuo dei propri docenti.

 

Gli INSEGNANTI si impegnano a:

 

  • garantire competenza e professionalità;
  • rispettare l’orario scolastico e garantire la propria presenza all’interno della classe;
  • elaborare unità di apprendimento, nella prospettiva della maturazione del Profilo educativo, culturale e professionale dello studente, alla conclusione del primo ciclo dell’istruzione;
  • creare un clima sereno e positive relazioni interpersonali tra alunni e adulti;
  • stimolare ciascun alunno a sviluppare la propria emotività, socialità e cognitività, necessarie per una partecipazione consapevole alla vita sociale e culturale;
  • motivare gli alunni al processo educativo, coinvolgendoli in modo attivo e produttivo;
  • favorire l’acquisizione di autonomia organizzativa;
  • seguire gli alunni nel loro lavoro e attivare strategie di recupero e di rinforzo in caso di difficoltà;
  • favorire l’uguaglianza e l’integrazione scolastica di tutti gli alunni;
  • verificare l’acquisizione delle competenze e stabilire momenti periodici per la valutazione dell’apprendimento, tenendo conto dell’impegno di ciascun alunno

 

Gli ALUNNI

 

HANNO IL DIRITTO A:

 

SI IMPEGNANO A:

essere ascoltati, compresi e rispettati;

frequentare regolarmente, rispettando gli orari;

 

trascorrere il tempo a scuola in maniera funzionale alla qualità del progetto educativo;

rispettare tutti gli adulti (dirigente, insegnanti, operatori, personale ATA) che si occupano della loro educazione;

 

crescere affermando la propria autonomia;

rispettare i compagni e le loro opinioni, anche se divergenti;

 

essere informati e coinvolti nelle decisioni che li riguardano;

 

rispettare le regole di comportamento;

comprendere il significato di eventuali rimproveri diretti a correggere comportamenti inadeguati;

ascoltare e mettere in pratica i suggerimenti e i consigli degli insegnanti, sia sul piano degli apprendimenti, sia su quello del comportamento;

 

vivere il tempo scuola in ambienti accoglienti, sani e sicuri;

 

usare correttamente le strutture, gli arredi, i sussidi, il materiale proprio e altrui;

essere stimolati nel lavoro scolastico e ricevere aiuto dall’insegnante.

comportarsi in modo corretto e rispettoso, evitando di creare disturbo, durante lo svolgimento dell’attività didattica.

 

 

 

 

 

I GENITORI si impegnano a:

 

  • riconoscere il valore educativo della scuola;
  • conoscere e rispettare le regole della scuola;
  • collaborare per favorire lo sviluppo formativo dei propri figli, rispettando la libertà d’insegnamento di ogni docente;
  • verificare l’esecuzione dei compiti e lo studio delle lezioni, seguendo le indicazioni metodologiche degli insegnanti;
  • partecipare agli incontri scuola – famiglia;
  • giustificare le assenze;
  • essere disponibili al dialogo con gli insegnanti;
  • attuare atteggiamenti educativi analoghi a quelli scolastici;
  • collaborare alle iniziative della scuola, per la loro realizzazione sul piano operativo.