IC IQBAL MASIH

IC IQBAL MASIH

Il cellulare a scuola

Print Friendly, PDF & Email

Prot. n.  5710/C27                                                                                           Pioltello, 13 settembre 2018

 

A tutti i genitori

Scuola Primaria e Secondaria I grado

 

I recenti episodi segnalati sui mezzi di informazione sull’uso del cellulare a scuola impongono la necessità di ricordare a tutti i familiari degli alunni che, a norma di legge, è tassativamente vietato qualsiasi uso di questo mezzo di comunicazione all’interno dell’edificio scolastico e durante le attività che vi si svolgono.

 

Come si sa, il cellulare non viene utilizzato solo per comunicare, ma, sempre più, come macchina fotografica, con il concreto rischio di ledere la privacy di minori e adulti. Assai frequentemente, infatti, le foto finiscono in rete, con conseguente amplificazione del danno, senza che  i ragazzi si rendano pienamente conto dei possibili effetti anche legali della loro leggerezza.

 

Con questa circolare si chiede ai genitori di assumersi l’impegno formale di non far portare, ove possibile, al proprio figlio/a il telefono cellulare a scuola o comunque di responsabilizzare i ragazzi sull’assoluto divieto di utilizzarlo, pena la rigorosa e tempestiva applicazione delle sanzioni e delle procedure previste dal nostro Regolamento di disciplina.

 

La scuola ha bisogno di un ulteriore impegno da parte dei genitori, affinché svolgano una corretta ed efficace  azione educativa in proposito e favoriscano questa presa di coscienza da parte dei ragazzi.

 

Si fa presente comunque che i telefoni della scuola sono sempre a disposizione a chi ne faccia richiesta, in caso di necessità e per  ogni altra eventuale comunicazione!

 

Infine, si ricorda che la scuola non ha alcuna responsabilità per smarrimento, furti o danneggiamento dei cellulari e degli  strumenti multimediali eventualmente presenti nelle tasche e negli zaini dei ragazzi.

 

F.to IL DIRIGENTE SCOLASTICO
             dott. Roberto Garroni
(Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell’art. 3 comma 2 del d.lgs. n.39/1993)